Estratto dal libro “Costellazioni Multidimensionali” #1

INTRODUZIONE

Siamo tutti interconnessi. L’uno con l’altro. Biologicamente, chimicamente, emotivamente e psichicamente nella nostra essenzialità.Carl Sagan, astrofisico.

La nostra energia è connessa a livello sottile, i nostri strumenti non sono ancora in grado di vedere e di misurare tutto questo adesso, ma presto sarà alla nostra portata. Le connessioni ci sono e sono universali, non riguardano soltanto il pianeta Terra, riguardano l’intero Universo ed ogni particella, ogni atomo, ogni molecola interagisce con tutto l’Universo.

Possiamo sicuramente immaginare che la forza creativa dell’Universo viaggi, decida, si organizzi ad una velocità incredibilmente superiore a quella della mente umana.

La nostra mente cosciente è alla continua ricerca di esplorazione.

Esplora le connessioni, le coincidenze, le correlazioni, ma non ha l’ampiezza necessaria per permetterci di comprendere pienamente, rilassarci e fluire con la consapevolezza del movimento dell’anima.

L’intero Universo cresce, si modifica, evolve seguendo delle regole che mano mano scopriamo e questo affina la nostra comprensione della realtà e di quanto accade intorno e dentro di noi.

La scoperta di un premio Nobel nell’astrofisica o nella fisica o la medicina, dopo pochi anni è obsoleta e le nozioni che avevano stabilito questa scoperta sono desuete poiché tutto evolve in maniera perpetua, come evolve costantemente la Coscienza.

Talvolta le leggi tramite cui questa evoluzione avviene sono incomprensibili alla nostra mente, sono le leggi proprie con cui funziona l’Universo.

Gli scienziati affermano che il nostro complesso organismo fatto di miliardi, di miliardi, di miliardi di cellule e di infiniti numeri di particelle. Questo avviene sia nella parte più infinitesimale dell’Universo sia nelle macrostrutture, ad esempio quello che avviene e regola la vita di uno specifico pianeta.

Esistono miliardi di miliardi di stelle e miliardi di miliardi, di miliardi di galassie. La comprensione e la bellezza di tutto questo è al di fuori dalla nostra portata, ma per alcuni istanti riusciamo molto lontanamente a percepire come tutto questo movimento dell’anima si muova. Comprendiamo come ogni movimento è mosso, orientato e guidato dalla Coscienza Universale.

L’importanza delle nuove scoperte ed intuizioni non sta nel riconoscere come funzionano le associazioni, i legami chimici e i campi elettromagnetici. L’importanza sta nel riconoscere la maestosità del fatto che, in ogni cosa vivente, vivano e collaborino atomi e particelle che lavorano secondo gli schemi e le regole dell’Universo in una perfetta, grandiosa e silenziosa sincronia. Anche se non lo riusciamo a comprendere questo avviene, comunque.

Il cosmo è anche dentro di noi perché anche noi siamo fatti di stelle, di filamenti luminosi. Noi siamo il modo attraverso il quale il cosmo, l’Universo, conosce e riconosce se stesso attraverso l’oceano dello spazio”.

Carl Sagan, astrofisico

In ogni istante della nostra vita è possibile cogliere il significato collegato alla nostra anima ed ai vari livelli dimensionali che noi riconosciamo tramite essa. Riconoscere questo ci fa comprendere che c’è ancora molto altro da imparare.

È estremamente interessante rendersi conto come la Mente Universale consenta ad organismi composti di particelle, atomi e molecole di evolvere passando dall’essere semplice materia organica, priva di coscienza, allo stato di Coscienza superiore. Questo avviene per i microrganismi che vivono nell’oceano, i virus, i batteri ed anche per i pianeti e le stelle.

In fondo quello in cui credevano gli Egizi sembrerebbe molto simile a qualcosa che scientificamente è dimostrabile, solo adesso. Ogni anima è composta di filamenti di luce ed è sensibile alla luce, vive nella materia, sperimenta ed evolve. Quando finisce il tempo della reincarnazione l’anima, che è pura energia, torna ad essere una stella dell’Universo. L’energia non si crea e non si distrugge cambia solo di stato e lo stesso avviene per la Coscienza. Nel futuro tutto questo potrebbe essere una verità scientifica dimostrata.

Questa consapevolezza dell’interconnessione e dell’interazione fa parte del DNA della materia e negli esseri umani stimola il desiderio di crescita, consapevolezza e condivisione.

I nostri avi ci hanno trasmesso delle conoscenze incredibili, attraverso i monumenti, le loro opere e i loro scritti. È evidente che le loro conoscenze in ogni campo della scienza erano sicuramente più avanzate di quelle attuali. Possiamo riferirci alle conoscenze astrofisiche dei Maya, alle costruzioni delle piramidi in Egitto e in Bosnia.

 

“La bellezza delle cose viventi non sta tanto negli atomi e al loro interno e nella loro forma ma nel modo in cui questi atomi ballano e stanno insieme”.

Carl Sagan, astrofisico

L’Universo è composto da superstringhe, particelle che creano molteplici onde e frequenze. Queste scaturiscono da diverse sfumature della luce “originaria”. La sorgente originaria della consapevolezza e della luce si espande ed evolve in ogni direzione. Nella sua diffusione si riflette passando da una parte all’altra dell’intero Universo creando nuovi livelli di Coscienza e nuove forme di vita.

Questa frequenza originaria si diffonde, rimbalza e attraversa l’intero Universo, si espande da una parte all’altra ed attiva diversi livelli di consapevolezza in funzione di quanto gli organismi viventi sono in grado di percepire.

Quello che risulta realmente importante è la capacità di stabilire una connessione e riuscire a percepire quello che l’Universo si aspetta da noi e quanto e come l’Universo comunica con noi.

Questo è tutto ciò che dovrebbe contare, ma al fine di comprenderne la complessità, è necessario raccogliersi e sentire, uscire dal pensiero logico, lasciare andare il pensiero reattivo e semplicemente ascoltare, accogliere e sintonizzarsi.

Tutto è essenziale e semplice nel momento in cui permettiamo a noi stessi, ai nostri atomi e alle nostre molecole di raccogliersi nella percezione e nell’ascolto in un qualcosa di più grande.

L’incredibile, l’inconcepibile, l’incommensurabile Coscienza che proviene dall’Universo, è percepibile nella nostra forma limitata solo quando acconsentiamo al movimento dello spirito.

La coscienza che siamo in grado di accogliere e percepire riguarda solo il nostro livello evolutivo di Coscienza Individuale.

 

“Noi abbiamo già viaggiato in questo mondo e in altre dimensioni e continuiamo a farlo perché c’è molto altro da imparare”.

Carl Sagan

La poesia dell’espansione dell’Universo e la poesia della complessità della vita noi non siamo normalmente equipaggiati per comprenderle, ma la scienza arriva a concederci la possibilità di farlo.

Visit Us On YoutubeVisit Us On TwitterVisit Us On FacebookCheck Our Feed